dietista background light

Torta di carote

Da un anno a questa parte ho foderato la mia agenda e la vita di impegni di lavoro.

Ho da poco terminato un Master che mi ha portato spesso lontano da casa, mi sono spesso chiusa in ambulatorio per giorni interi a dividermi fra pazienti e progetti da strutturare.

Spesso mi rendo conto di non avere una vita mondana, ma la cosa bella è che non mi interessa!

Perchè, mi rendo conto, che ogni attimo che spento nel fare il mio lavoro, lo faccio per me perchè è un lavoro che amo follemente ed inoltre perchè lo faccio per la mia famiglia, con l’intento di potergli regalare un futuro sereno.

Mentre cucino questa torta è notte fonda, Miki dorme e mio marito sta per rincasare dal suo allenamento in palestra.

Mentre impasto mi ritrovo a sorridere perchè sto pensando ai nuovi progetti importanti che sto per realizzare.

Sò che mi occuperanno tanto tempo e forze!

Ma il profumo di questa torta mi fa sembrare tutto meno complicato.

INGREDIENTI

  • 200 gr carote (già pulite)
  • 180 gr farina di mandorle
  • 20 gr farina di nocciole
  • 30 gr di nocciole intere ( + extra per decorare)
  • 100 gr uva sultanina scura ammollata in poca acqua
  • 100 ml di succo di arance
  • 50 ml di latte di nocciola
  • 50 ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci

Preparazione

  • Preriscaldare il forno a 180°C
  • Gratuggiate finemente le carote
  • Frullatele poi con olio, latte di nocciole e succo di arancia
  • Versate poi in una ciotola e unite la farina di mandorle setacciata con il lievito, l’uva sultanina ammollata in poca acqua e frullata, la farina di nocciole e le nocciole tritate a coltello
  • Mescolate bene fino ad ottenere un composto omogeneo
  • Foderate con carta forno uno stampo per plumcake e versate l’impasto. Distribuite sulla superficie altre nocciole tritate
  • Fate cuocere in forno statico ben caldo per 35 / 40 minuti
  • Controllare il grado di cottura infilando uno stecchino nel plumcake che dovrà uscire completamente asciutto
  • Lasciate raffreddare prima di servire