dietista background light

Olio di Oliva extravergine – dal punto di vista Macrobiotico

Quando si parla di olio d’oliva extravergine spesso i nutrizionisti si fermano all’aspetto nutrizionale.

in realtà questo alimento è ben più di un mix di nutrienti e calorie !

Dal punto di vista *macrobiotico* l’olio è un alimento ricco di energia attiva, ovvero interagisce con l’organismo in base a come viene assunto.

È risaputo che gli oli attirano calore, quindi vediamo come l’olio di oliva lavora nel nostro organismo .

Se consumato crudo, assorbirà il calore interno del corpo portandolo in superficie disperdendolo, abbassando così le temperatura del nostro corpo, rinfrescandolo

  • Per questa ragione sarà terapeutico l’utilizzo dell’olio a crudo nella stagione calda per fronteggiare al meglio le calde temperature estive.
  • In caso di febbre? oltre ad aiutarci con le classiche terapie farmacologiche, è consigliato prediligere olio a crudo rispetto a quello cotto durante i pasti o bevendone un cucchiaino a crudo di tanto in tanto

Al contrario se consumiamo l’olio cotto, ovvero quell’ olio che troveremo nella cottura dei cibi, l’olio attirerà il calore dalla fiamma trasferendolo all’interno del cibo rendendolo un veicolo portatore di calore all’interno del nostro corpo.

  • Sarà quindi terapeutico utilizzarlo nella stagione invernale perché ci aiuterà a sopportare meglio le temperature fredde dell’inverno