Dietista Paola Chiari – Cremona http://www.dietistacremona.it Dieta per dimagrimento, dieta ricostituente, dieta in supporto a patologie, educazione alimentare e consigli su ricette dietetiche per star meglio con l'alimentazione e la spesa di tutti i giorni. Sat, 14 Jul 2018 10:38:14 +0000 it-IT hourly 1 Cereali in chicco : integrali, decorticati, perlati – scopriamone le differenze http://www.dietistacremona.it/cereali-in-chicco-integrali-decorticati-perlati-scopriamone-le-differenze-2018065350.html Thu, 21 Jun 2018 07:00:03 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5350 Una delle domande più ricorrenti che mi viene posta  in ambulatorio è Che differenza c’è  fra cereali in chicco integrali, decorticati e perlati? L’argomento è interessante, ma prima di dirvi esattamente la differenza, vorrei parlarvi di com’è fatto il chicco dei cereali in questione. La struttura del chicco I cereali in chicco, sono ricoperti esternamente » Continua

L'articolo Cereali in chicco : integrali, decorticati, perlati – scopriamone le differenze proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Una delle domande più ricorrenti che mi viene posta  in ambulatorio è

Che differenza c’è  fra cereali in chicco integrali, decorticati e perlati?

L’argomento è interessante, ma prima di dirvi esattamente la differenza, vorrei parlarvi di com’è fatto il chicco dei cereali in questione.

La struttura del chicco

I cereali in chicco, sono ricoperti esternamente dalla Glumella (piccole foglie secche che racchiudono in sé il chicco).Cereali_Glumella

In base all’attaccatura della glumella alla parete più esterna del chicco, i cereali si distinguono in due categorie:

 

  • Cereali vestiti : ne fanno parte il miglio, il farro e l’avena. Sono caratterizzati da una glumella esterna ben attaccata e non commestibile. Quindi questi cereali per essere consumati dovranno obbligatoriamente essere decorticati e quindi privati, attraverso l’utilizzo di macchine, di questa foglia in cui sono racchiusi. Si considerano comunque integrali perché nonostante l’eliminazione di questa glumella il chicco mantiene intatti i tre strati principali e quindi le proprietà nutritive.

 

  • Cereali nudi :  la segale, il riso, il frumento, il mais, l’orzo, l’amaranto, la quinoa e il farro sono quei cereali che hanno uno strato di glumella talmente sottile che si stacca semplicemente sbattendo la spiga. Il processo di decorticazione li rende quindi semi-integrali perché oltre alla glumella spesso si perdono altri strati.

I chicchi hanno una struttura a strati, principalmente tre.

cereali_struttura_chicco

  • Il primo strato quello più esterno si chiama Crusca : è lo strato più esterno, è una cuticola (o pellicina) composta da molti strati che ha il compito di proteggere il nostro chicco da fattori esterni come agenti atmosferici, insetti e sostanze con cui si innaffiano o nebulizzano queste piante. La crusca rappresenta circa il 14% del chicco e contiene più sostanze nutritive come antiossidanti, vitamine del gruppo B, fibre e sali minerali.
  • Il secondo, l’intermedio, si chiama Germe : è ricco di sostanze antiossidanti, Vitamine del gruppo B e Vitamina E e sali minerali. Già in questo strato notiamo che la presenza delle fibre inizia a ridursi. Rappresenta il 3% del chicco e germogliando origina una nuova pianta.
  • Lo strato più interno si chiamo Endosperma : rappresenta l’83 % circa del chicco ricco di amidi (quindi zuccheri) e proteine, sostanze che rendono energetici questi chicchi.

Cereali integrali, decorticati e perlati – che differenza c’è ?

Ora che abbiamo ben chiara la struttura del nostro chicco andiamo a scoprire che differenza c’è fra i cereali integrali, perlati e decorticati.

  • Cereale in chicco integrale : il cereale si presenta integro nella sua struttura (nel suo chicco saranno presenti i tre strati : crusca, germe, endosperma), quindi un cereale dal quadro nutrizionale al top, completo di carboidrati (amidi e fibre), proteine, grassi, minerali, vitamine, antiossidanti. Questo tipo di cereale darà un carico energetico immediatamente disponibile per l’organismo ma l’equilibrio fra amidi e fibre regolarizza lo sbalzo glicemico.
  • Cereale in chicco decorticato : questo tipo di cereale subisce una prima raffinazione a carico del chicco a cui viene tolta la crusca. Quindi avremo un cereale meno integrale, carente di fibre. La presenza, comunque, di germe ed endosperma nella struttura del chicco permette di mantenere una percentuale di antiossidanti, vitamina E e vitamine del gruppo B e minerali.
  • Cerale in chicco perlato : è un cereale totalmente raffinato a cui viene tolto sia la crusca che il germe. Rimane la presenza dell’endosperma che renderà questo cereale ricco di amidi. L’assenza delle fibre farà aumentare la glicemia con conseguente sovra produzione di insulina da parte del nostro pancreas. Questa situazione può portare ad accumulare adipe.

Con queste informazioni, riusciremo a fare la scelta migliore nell’acquisto di questi cereali, perché saremo in grado di leggere al meglio le informazioni che ci vengono fornite dalle etichette evitando di arrivare impreparati davanti allo scaffale del supermercato !

 

 

 

L'articolo Cereali in chicco : integrali, decorticati, perlati – scopriamone le differenze proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Acquasale Pugliese, un piatto povero ma ricco http://www.dietistacremona.it/acquasale-pugliese-un-piatto-povero-ma-ricco-2018065332.html Mon, 11 Jun 2018 17:10:46 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5332 L’Italia vanta una lunga tradizione culinaria. Ogni zona del nostro paese è culla di tradizioni e ricette che mettono in risalto i prodotti del nostro territorio. Parliamo ad esempio del Salento, basti pensare come grazie alla bravura delle massaie salentine di unire ingredienti poveri riuscivano a realizzare degli ottimi piatti dal punto di vista nutrizionale » Continua

L'articolo Acquasale Pugliese, un piatto povero ma ricco proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
L’Italia vanta una lunga tradizione culinaria.

Ogni zona del nostro paese è culla di tradizioni e ricette che mettono in risalto i prodotti del nostro territorio.

Parliamo ad esempio del Salento, basti pensare come grazie alla bravura delle massaie salentine di unire ingredienti poveri riuscivano a realizzare degli ottimi piatti dal punto di vista nutrizionale ma senza tralasciare il sapore unico e prelibato di questi alimenti, anzi spesso ne valorizzavano proprio il loro sapore.

Vi parlo di Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi, perché utilizzati prodotti caratteristici del territorio e a Km0.

acquasale

Inoltre la si può considerare una ricetta *svuotafrigo* oppure del *non si butta nulla* infatti, spesso per realizzarla, venivano utilizzati gli avanzi dei pasti precedenti.

Mi è capitato di parlare di questa ricetta con alcuni dei miei pazienti Salentini e nella maggior parte dei racconti viene definita come *il piatto dei ricordi* perché spesso da piccoli le nonne preparavano questa ricetta anche per la merenda del pomeriggio.

Se vi ho incuriosito non vi resta che leggere la ricetta!

Gli ingredienti

  • Qualche fetta di pane Pugliese tostato tipo bruschetta (per i celiaci pane senza glutine)
  • Qb Olio Extravergine di Oliva
  • Origano
  • Pomodori
  • 1 Cipolla
  • QB Sale
  • QB Basilico
  • 1 spicchio di aglio
  • acqua
  • Meloncella o cetriolo Pugliese

Prepariamo insieme L’ Acquasale

Acquasale

  • Prepariamo la cipolla che tagliamo a fettine e che mettiamo in ammollo per circa due ore. Poi andiamo a scolare .
  • Iniziamo con il prendere una ciotola capiente dove andremo a spezzettare il pane pugliese che metteremo alla base di questa ciotola e che andremo ad inumidire con l’acqua (non troppa sennò si crea una pappozza sgradevole). Poi il pane a pezzetti lo andremo a mettere in una capiente insalatiera.
  • Aggiungiamo i pomodori (spezzettateli a mano così conserveranno al meglio tutti i loro principi nutritivi.. spesso gli utensili rovinano la parte nutrizionale del nostro alimento)
  • Ora aggiungiamo lo spicchio di aglio, l’origano, il sale, la cipolla precedentemente ammollata e scolata e la Meloncella (o cetriolo Pugliese) tagliata a rondelle.
  • Amalgamate bene il tutto con un cucchiaio di legno e condite con dell’olio extravergine di oliva poi riponete in frigorifero per almeno un’ora (servirà per renderla ancor più gustosa e saporita).
  • Prima di consumarla estrarla dal frigorifero almeno 15 minuti prima di portarla in tavola , così che ritorni a temperatura ambiente.

L’ acquasale è una ricetta davvero versatile perché può essere anche arricchita con

  • legumi
  • pesce, sgombri, alici e sardine
  • formaggi
  • uova
  • Tempeh e tofu (per i vegani)
  • Frutta secca

Ma se volgiamo dare un tocco in più di sapore, possiamo arricchire la nostra ricetta con capperi e olive!

Per chi è indicata

  • Tutti
  • Celiaci (solo utilizzando pane senza glutine)
  • Intolleranti al lattosio
  • Vegani (no all’utilizzo di prodotti animali come arricchimento ma solo prodotti vegetali come tofu, tempeh, legumi e frutta secca)
  • Vegetariani
  • Sportivi
  • Bambini
  • Pazienti oncologici

 

L'articolo Acquasale Pugliese, un piatto povero ma ricco proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
MELONCELLA http://www.dietistacremona.it/meloncella-2018065269.html Mon, 11 Jun 2018 11:34:09 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5269 Se vi dico Puglia a voi cosa viene in mente? Io penso al mare, spiagge, borghi e buon cibo …. in poche parole VACANZA 😉 In questa terra dove l’alchimia fra i profumi ed i sapori della tradizione culinaria mediterranea si intrecciano in combinazioni alimentari magiche , vi è un prodotto da provare assulatmente. Un » Continua

L'articolo MELONCELLA proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Se vi dico Puglia a voi cosa viene in mente?
Io penso al mare, spiagge, borghi e buon cibo …. in poche parole VACANZA 😉

In questa terra dove l’alchimia fra i profumi ed i sapori della tradizione culinaria mediterranea si intrecciano in combinazioni alimentari magiche , vi è un prodotto da provare assulatmente.

Un mix fra un frutto e una verdura, sto parlando della Meloncella

Meloncella

La  Meloncella – l’ortaggio

Nasce in Puglia ed esattamente nella zona del Salento.

Si semina in terreni fertili e profondi in primavera (fra Marzo e Luglio) e si raccoglie dopo circa un paio di mesi.

La pianta di meloncella ha la caratteristica di produrre circa 30 frutti nel periodo di raccolta

Simile ad un cetriolo ma che in realtà fà parte della famiglia dei meloni ed ha un sapore che va dal melone al cetriolo.

Una buccia ricoperta di una lieve peluria ma una polpa bianca, fresca, dolce e croccante, con la presenza di semi.

Meloncella1

La Meloncella – proprietà nutrizionali

Indicata nell’alimentazione di tutti, anche per bimbi ed anziani, perché ben più digeribile di un cetriolo a causa dell’assenza di una sostanza difficilmente digeribile chiamata *curcubitacina*.

Il colore verde la rende ricca di magnesio e acido folico quindi indicata in gravidanza.

Mentre la povertà in zuccheri e sodio è indicata in diete ipocaloriche ed iposodiche.

Ricca di acqua é molto dissetante, si gusta al meglio in mix di conse o abbinata al pesce crudo o cotto.

La Meloncella – il suo utilizzo

La Meloncella ha la cacaratteristica di esser consumata acerba (o non completamente matura)e  cruda (non è un ortaggio da cuocere).

La si utilizza prevalentemente in insalata, infatti una dlle ricette in cui compare è la ricetta tipica Salentina  *Acquasale*.

La Meloncella – nella storia

Grazie alla sua ricchezza di acqua già nell’800 i contadini consumavano la meloncella per dissetarsi durante il duro lavoro estivo nei campi come fonte di acqua naturale.

L'articolo MELONCELLA proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Colazione antispreco… ma ricca di gusto ! http://www.dietistacremona.it/colazione-antispreco-ma-ricca-di-gusto-2018065312.html Thu, 07 Jun 2018 07:00:48 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5312 Oggi una ricettina all’insegna del *non si butta via nulla*  !! Mi stava per scadere una ricotta, una pesca mi stava facendo *ciaoooo* e avevo dei biscotti *homemade* al burro di arachidi con gocce di cioccolato che mi stavano chiamando .. Così ho pensato ad un dolce cremoso .. cremoso !! Gli ingredienti? Eccoli ! » Continua

L'articolo Colazione antispreco… ma ricca di gusto ! proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Oggi una ricettina all’insegna del *non si butta via nulla*  !!
Mi stava per scadere una ricotta, una pesca mi stava facendo *ciaoooo* e avevo dei biscotti *homemade* al burro di arachidi con gocce di cioccolato che mi stavano chiamando ..

Così ho pensato ad un dolce cremoso .. cremoso !!

ricotta pesce biscotti

Gli ingredienti? Eccoli !

Ho montato la ricotta (anche di capra) con la frusta della planetaria per renderla morbida e spumosa (io non l’ho fatto, e sarebbe meglio evitare, ma se volete potete aggiungere un cucchiaio di zucchero a velo integrale o zucchero dei fiori da palma da cocco), ne ho versato un paio di cucchiai in un vasetto di vetro a cui ho alternato dei biscotti sbriciolati al burro di arachidi con gocce di cioccolato @pbuttery_handsome_carver_italy
ed infine ho ricoperto i biscotti con altri due cucchiai di ricotta e adagiato sopra qualche fettina di pesca.

Ovvio non potevo non spolverare di cacao questo dolcetto 😊. Se volete potete anche a vostro piacere sgranellare sopra della frutta secca.

Et voilà pronti una colazione / spuntino dolcettosi …. ogni tanto ci vuole !

Per l’impiattamento perchè non utilizzare un vasetto di vetro, magari di quelli che contengono i legumi in salamoia, utilizzati i legumi poi basta lavare il vasetto …. et voilà… anche un semplicissimo vasetto di vetro ha il suo *perché* quando si tratta di impiattare una ricetta semplice e gustosa.

Quindi a dirla tutta, questa ricettina, oltre ad esser buona, è anche molto bella da vedere 😉

Per chi è indicata

  • Celiaci (utilizzando biscotti glutenfree o frutta secca)
  • Vegetariani
  • Vegani (utilizzando uno yogurt di soia)
  • Sportivi
  • Pazienti oncologici ( no all’utilizzo dello zucchero)
  • Bambini

L'articolo Colazione antispreco… ma ricca di gusto ! proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Pane Funzionale Salus http://www.dietistacremona.it/pane-funzionale-salus-2018065286.html Sun, 03 Jun 2018 07:00:05 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5286 E poi nasce tutto da una telefonata Buongiorno, sono Martina del Granaio delle idee e sarei interessata a farle pervenire una campionatura di Pane Funzionale Salus per darle la possibilità di assaggiarlo e conoscere questa tipologia di pane innovativo per le sue caratteristiche nutrizionali e funzionali sull’organismo, le invio anche delle brochure e la scheda » Continua

L'articolo Pane Funzionale Salus proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
E poi nasce tutto da una telefonata

Buongiorno, sono Martina del Granaio delle idee e sarei interessata a farle pervenire una campionatura di Pane Funzionale Salus per darle la possibilità di assaggiarlo e conoscere questa tipologia di pane innovativo per le sue caratteristiche nutrizionali e funzionali sull’organismo, le invio anche delle brochure e la scheda tecnica. Poi le sarei grata se ci potessimo risentire per avere le sue impressioni sul nostro prodotto .

ed è così che sono venuta a conoscenza di questa nuova tipologia di pane !

Qualche giorno dopo ecco arrivare questo gradito omaggio, un pacco contenente un pane appena sformato, due pacchi di miscele di farina per la realizzazione casalinga di questo pane e bellissime brochure informative e colorate.

Omaggio Pane Salus

Omaggio Pane SalusPane Salus MiscelaOvviamente parliamo di un pane con glutine quindi non è indicato per i celiaci (… purtroppo dico io …perché non ho potuto fare la prova assaggio) così ho lasciato questo gustoso compito a mio marito e al mio piccolo Miki che hanno apprezzato parecchio !!

Mio marito Fabio lo ha definito un pane leggero e di facile digestione che non appesantisce e non crea il famoso abbiocco post-pasto.

Fabio si è stupito di come questo pane non gli abbia causato i classici gonfiori addominali.

Ma come mai questo pane è così speciale?

scopriamolo insieme !!

Cos’è il Pane Funzionale Salus

Il Pane Funzionale Salus è un pane innovativo!

Pane Salus

Un prodotto equilibrato dal punto di vista nutrizionale senza rinunciare al gusto del buon pane da panetteria. Morbido e fresco!

  • Iposodico per basso contenuto di sale
  • Ipoglucidico, ridotto apporto di zuccheri (31 gr su 100 gr di prodotto di cui 0.8 di zuccheri semplici)
  • Ricco di fibre (7 gr su 100 gr di prodotto)
  • Presenza di una buona percentuale di proteine ( 12 gr su 100 gr di prodotto)
  • Basso contenuto di grassi (1,2 gr grassi tot su 100 gr di prodotto ed 0.1 grassi saturi) quindi anche ottimo il rapporto grassi tot e grassi saturi (rispecchia ancor meglio del rapporto 3:1)
  • Betaglucani (2,3 gr su 100 gr di prodotto)

Quando un Alimento è Funzionale

Un alimento è *funzionale* quando gli ingredienti che lo caratterizzano han la facoltà di apportare benefici all’organismo, o di prevenire o ridurre il rischio d’ insorgenza di patologie.

Proprio la presenza di Betaglucani rendono, questo pane, un alimento funzionale .

Infatti i Betaglucani sono polisaccaridi identificati anche come fibre vegetali indigeribili che arrivano integre a livello intestinale. Svolgono un azione chelante (ovvero afferrano come le chele di un granchio le sostanze tossiche dall’organismo) nei confronti di glucosio e colesterolo alimentare (cioè introdotto con il cibo) migliorando così l’indice e carico glicemico del pasto (ovvero la quantità di zuccheri circolanti nel flusso sanguigno) e favoriscono la riduzione del colesterolo.

Proprio in riferimento allo stretto rapporto che vi è fra l’assunzione di Betaglucani e riduzione di colesterolo, l’Efsa (European Food Safety Authority – Autorità europea per la sicurezza alimentare) nel Dicembre 2011, attraverso vari studi scientifici, ha definito come l’utilizzo dei Betaglucani migliori i livelli di colesterolo, diminuendo così il rischio di malattie cardiovascolari.

https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.2903/j.efsa.2011.2470

E’ sempre l’ Efsa a definire che la quantità giornaliera adeguata di betaglucani è da riferirsi a 3g/die

I Betaglucani se assunti regolarmente svolgono anche funzioni di tipo

  • Antiossidante (contrastano la presenza o l’insorgenza di radicali liberi colpevoli dell’invecchiamento precoce degli organi e dell’organismo in sè)
  • Immunostimolante e antitumorali (fortificano il sistema immunitario)
  • Sfiammante
  • Saziano
  • Svolgono aun attività prebiotica nel tratto intestinale migliorando la flora batterica migliorando la contrattilità delle cellule epiteliali.
  • Migliorano la peristalsi intestinale in quanto hanno la facoltà di assorbire acqua a livello dell’intestino aumentando così la massa fecale e facilitandone l’espulsione.

Quindi per fare scorta di Betaglucani non sarà necessario rimpinzarsi di  cibo ma basterà seguire un educazione alimentare corretta .

Dove trovare Pane Funzionale Salus

Se volete cercare un panificio vicino a voi che sforni fresco il vostro Pane Salus vi lascio il link a cui accedere in modo semplice e veloce (qui) attraverso la vostra geolocalizzazione saprete in tempo reale dove poter aquistare il Pane Funzionale Salus fresco da panetteria.

Per saperne di più

Se siete interessati ad avere maggiori informazioni su questo prodotto vi propongo il link diretto al loro sito.

Se invece volete acquistare la miscela di farine pre replicare in casa questo pane rivoluzionario vi lascio il link diretto al loro shop on line.

Ricordo che questo pane non è adatto ai celiaci o a chi è sensibile al glutine in quanto è a base di farine contenenti glutine!

Per tutti i non celiaci vi invito a provarlo… poi fatemi sapere !!

L'articolo Pane Funzionale Salus proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Pesto di Rucola con Anacardi http://www.dietistacremona.it/pesto-di-rucola-con-anacardi-2018065304.html Sat, 02 Jun 2018 07:00:57 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5304 La ricetta di cui vi vorrei parlare oggi la potrei definire una ricetta “impatto zero” oppure una ricetta del “non si butta nulla” ! Sarà capitato anche a voi di recuperare la verdura in “lastminute” ovvero di cucinarla poco prima che vada a male, a me capita con la rucola. E’ una verdura molto delicata » Continua

L'articolo Pesto di Rucola con Anacardi proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
La ricetta di cui vi vorrei parlare oggi la potrei definire una ricetta “impatto zero” oppure una ricetta del “non si butta nulla” !

Sarà capitato anche a voi di recuperare la verdura in “lastminute” ovvero di cucinarla poco prima che vada a male, a me capita con la rucola.

E’ una verdura molto delicata che deteriora in pochi giorni, così ho pensato di preparare un pesto che potessi conservare in frigorifero per qualche giorno !

Pesto Rucola e Ancacardi

I miei ingredienti

  • Rucola
  • Qb Anacardi
  • 1 manciata di grana o pecorino o lievito deattivato in scaglie
  • Qb Olio Extravergine di oliva
  • Aglio se gradito

Prepariamo il pesto di rucola

  • Iniziamo con il mettere in ammollo gli anacardi per circa 8 / 12 ore
  • Laviamo bene la rucola
  • Uniamo in un frullatore la rucola con gli anacardi ben sciacquati, il grana (oppure il lievito deattivato o il pecorino), l’aglio se gradito e frullare il tutto aggiungendo l’olio extravergine di oliva a filo finché non raggiungiamo la consistenza desiderata (a me piace cremosa e morbida)
  • Ora non resta che mettere il nostro pesto in un contenitore di vetro a chiusura ermetica (tipo Bormioli) aggiungere olio extravergine e conservare in frigorifero per 3/4 giorni.

Questo pesto lo si può utilizzare in svariati modi, noi lo utilizziamo per condire delle paste o come salsa per bruschette o pizza.

Io spesso riempio il contenitore per cubetti di ghiaccio con questa salsa, ripongo in freezer e creo dei cubetti di pesto di rucola.

Idea strategica perché la quantità di un cubetto è sufficiente se vogliamo utilizzarlo come insaporitore per i nostri piatti o come sapore per i nostri soffritti.

Provate e se vi vengono in mente altre ricette da passarmi, io le provo volentieri!

Per chi è indicata questa ricetta

  • Celiaci
  • Intolleranti al lattosio (utilizzando formaggi stagionati almeno per 48 /60/ 72 mesi- oppure del lievito deattivato in scaglie)
  • Vegani (utilizzando il lievito deattivato in scaglie la posto del formaggio)
  • Vegetariani
  • Bambini
  • Sportivi
  • Pazienti oncologici

L'articolo Pesto di Rucola con Anacardi proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
PAUSA-PRANZO PIADINA GLUTENFREE http://www.dietistacremona.it/pausa-pranzo-piadina-glutenfree-2018055271.html Sun, 27 May 2018 07:00:13 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5271 Il tempo stringe e siamo costretti pranzare fuori casa? Nessun problema se sappiamo scegliere bene senza esagerare con le quantità e soprattutto senza esagerare con i condimenti (tipo salse elaborate). Il trucco La verdura non deve mai mancare. ➡ migliora l’ impatto glicemico ➡ sazietà prolungata senza appesantire ➡ verdure detossinanti ricche di pigmenti ➡ » Continua

L'articolo PAUSA-PRANZO PIADINA GLUTENFREE proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Il tempo stringe e siamo costretti pranzare fuori casa?

Nessun problema se sappiamo scegliere bene senza esagerare con le quantità e soprattutto senza esagerare con i condimenti (tipo salse elaborate).

Il trucco

La verdura non deve mai mancare.

➡ migliora l’ impatto glicemico
➡ sazietà prolungata senza appesantire
➡ verdure detossinanti ricche di pigmenti
➡ antiossidanti contrastano i radicali liberi (sostanze che velocizzano il processo di invecchiamento del nostro corpo, dei tessuti, della pelle e delle nostre cellule)

➡ vege e glutenfree

La mia pausa … la mia piadina

Piadina_radicchio_noci_gorgonzola_zucchinegrigliate

Oggi all’ombra del terrazzo presso @lescre_fantastique_cr io mi gusto una deliziosa crepes regina *senza glutine* a base di radicchio, noci e gorgonzola con zucchine grigliate e carciofi.

Un’ottima combinazione nutrizionale per affrontare al meglio il pomeriggio di lavoro e la mia seduta di @spazio.bodytech.cremona

E voi cosa aspettate? A Cremona vi aspettano ottime Crepes e piadine glutenfree da provare assolutamente 😉 !!

Indicata per

  • Celiaci (solo se con impasto senza glutine)
  • Intolleranti al lattosio (con l’utilizzo di tempeh, tofu o formaggi vegani o formaggi vaccini stagionati almeno 48/72 mesi
  • Vegetariani
  • Vegani (al posto del gorgonzola utilizzare tofu / tempeh oppure un formaggino veg a base di frutta secca)
  • Bambini
  • Sportivi
  • Pazienti oncologici

L'articolo PAUSA-PRANZO PIADINA GLUTENFREE proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
PASTA ANTIOSSIDANTE http://www.dietistacremona.it/pasta-antiossidante-2018055265.html Sat, 26 May 2018 07:00:11 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5265 Fuori piove ma noi abbiamo il sole dentro grazie ad un bel piatto di pasta senza glutine al mais bianco Nutracentis Il condimento è nato da una preparazione semplice ma particolarmente gustosa. Gli ingredienti Qb Broccoli verdi 1/2 Cipollotto di Tropea Qb Olio di oliva extravergine 2 o 3 Pomodori secchi Qb Gomasio aromatizzato allo » Continua

L'articolo PASTA ANTIOSSIDANTE proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Fuori piove ma noi abbiamo il sole dentro grazie ad un bel piatto di pasta senza glutine al mais bianco Nutracentis
Il condimento è nato da una preparazione semplice ma particolarmente gustosa.

Pasta_mais_pesto_broccoli

Gli ingredienti

  • Qb Broccoli verdi
  • 1/2 Cipollotto di Tropea
  • Qb Olio di oliva extravergine
  • 2 o 3 Pomodori secchi
  • Qb Gomasio aromatizzato allo zenzero
  • 1 tazza piccola di anacardi (precedentemente ammollati)
  • Qb Olive
  • 1/2 avocado (se lo vogliamo sostituire all’olio per la preparazione del pesto)
  •  1 cucchiaino di manciata di semi di lino, sesamo bianco e nero, semi di girasole

Come procedere

Per iniziare ho preparato i broccoli verdi saltati in padella con dell’olio extravergine, del cipollotto di Tropea, dei pomodori secchi di Sicilia e del gomasio allo zenzero.

Poi ho preparato il pesto di broccoli ed anacardi :  Broccoli verdi preparati poco prima + anacardi ammollati da almeno 3 ore + olive + olio /avocado … frullato tutto et voilà un pesto gustosissimo 🔝.

Poi il tocco croccantezza al gusto di popcorn grazie ai piccoli semi (lino, sesamo bianco e nero, girasole) che ho tostato in un padellino antiaderente che sparsi sulla pasta hanno dato un gusto ed una consistenza particolare e unica!
Da provare assolutamente! 😉

Nutracentis è una linea di pasta di altissima qualità, senza glutine, a basso indice glicemico ed indicata anche per gli intolleranti al nichel per il ridotto (quasi inesistente) contenuto di questo metallo.

Oltre ad essere un superfood, questa pasta non si sfalda e tiene bene la cottura al dente …. davvero 🔝

Io ho cotto la pasta con il metodo della cottura passiva.

Piatto a base di superfoood ed antiossidanti !

Provatelo !!

PastaMais_PestoBroccoli_Semi

Ricetta indicata per :

  • Celiaci (se si utilizza pasta senza glutine)
  • Vegetariani
  • Vegani
  • Intolleranti al lattosio
  • Allergici al nichel
  • Pazienti oncologici
  • Bambini
  • Sportivi

L'articolo PASTA ANTIOSSIDANTE proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Biscotti Baci di Dama – la ricetta rivisitata http://www.dietistacremona.it/biscotti-baci-dama-la-ricetta-rivisitata-2018025214.html Fri, 02 Feb 2018 14:59:33 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5214 Anche con questa versione rivisitata dei baci di dama può diventare la nostra colazione perfetta. Ricca di fibre, minerali, vitamine e antiossidanti. Povera di zuccheri semplici ma con una ricchezza Baci di Dama nella versione sana Prepariamo gli ingredienti Farina di mandorle Polpa di mele cotte un pizzico di sale Semi di sesamo (se graditi) » Continua

L'articolo Biscotti Baci di Dama – la ricetta rivisitata proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Anche con questa versione rivisitata dei baci di dama può diventare la nostra colazione perfetta.

Ricca di fibre, minerali, vitamine e antiossidanti. Povera di zuccheri semplici ma con una ricchezza

Baci di Dama nella versione sana

Biscotti_baci_berrinno_diana

Prepariamo gli ingredienti

  • Farina di mandorle
  • Polpa di mele cotte
  • un pizzico di sale
  • Semi di sesamo (se graditi)

Prepariamo i nostri panzerotti

  • Impastare la polpa della mela cotta con la farina di mandorle o mandorle frullate grossolanamente (così rimarrano croccanti)
  • Se volete prima di infornare potete passare le palline sui semi di sesamo e crare uno strato di semi.
  • Cuocere in forno per circa 10 minuti a 180°

Semplici, rapidi , gustosi e sani …. che non guasta !

Perchè sono un ottima alternativa ai biscotti commerciali

Con queste preparazioni realizzeremo dei biscotti dolci ma a lento assorbimento.

L’importante è che le nostre preparazioni dolci cedano zucchero piano piano, altrimenti fanno salire tanto la glicemia e quando la glicemia sale troppo il pancreas produce tanta insulina (ormone che regola i livelli di glucosio ematico) che fa scendere la glicemia arrivando all’ipoglicemia.

Questa ipoglicemia è la ragione per cui i nostri bimbi a metà mattina a scuola sono distratti, stanchi, nervosi ed affamati, ma tutto questo è legato al fatto che il cervello non ha più energia da spendere.

La stessa cosa accade anche a noi adulti e la resa lavorativa è di scarsa qualità.

Quindi proviamo ad investire qualche minuto in cucina per migliorare le nostri abitudini alimentari per un approccio più vitale e salutare alla vita …anche dei nostri piccoli bimbi.


Consiglio di speriementare anche

Questa ricetta è indicata per

  • Tutti
  • Celiaci (utilizzando prodotti senza glutine)
  • Intolleranti al lattosio
  • Vegani
  • Vegetariani
  • Pazienti oncologici
  • Bambini
  • Sportivi

L'articolo Biscotti Baci di Dama – la ricetta rivisitata proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Biscotti della felicità in versione panzerotto senza glutine http://www.dietistacremona.it/biscotti-della-felicita-versione-panzerotto-senza-glutine-2018025206.html Fri, 02 Feb 2018 14:53:44 +0000 http://www.dietistacremona.it/?p=5206 Visto che la richiesta di alternative per la colazione dolce è sempre molto forte ecco un’altra ricettina interessante. La fonte d’ispirazione arriva sempre dal Professor Berrino che seguo costantemenete nei vari seminari di aggiornamento e che spesso negli incontri che tiene dispensa ricettine semplici, pratiche e gustose … provare per credere 😉 Biscotti della felicità » Continua

L'articolo Biscotti della felicità in versione panzerotto senza glutine proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>
Visto che la richiesta di alternative per la colazione dolce è sempre molto forte ecco un’altra ricettina interessante.

La fonte d’ispirazione arriva sempre dal Professor Berrino che seguo costantemenete nei vari seminari di aggiornamento e che spesso negli incontri che tiene dispensa ricettine semplici, pratiche e gustose … provare per credere 😉

Biscotti della felicità in versione panzerotto senza glutine

panzerotti antidepressione del prof Berrino

Prepariamo gli ingredienti

  • 6 tazzine di farina senza glutine (farina di Tipo 2 o integrale setacciata se non siete celiaci)
  • 1 tazzina di olio extravergine di oliva (oppure olio di semi ma con spremitura a freddo)
  • 2 tazzine di acqua
  • Tofu o Castagne bollite
  • Datteri Medjoul (si possono ammollare per qualche ora risulteranno più facili da frullare)
  • Noci
  • Polvere di vaniglia se gradita

Prepariamo i nostri panzerotti

  • Uniamo la farina all’olio e all’acqua ed impastiamo
  • Quando la pasta sarà pronta prepareremo dei dischetti con un coppapasta
  • Nel frattempo prepariamo il ripieno frullando i datteri ammollati e strizzati con il tofu o le castagne bollite e le noci.
  • Ora non resta che prendere un dischetto di pasta + un cucchiaino di ripieno al centro e poi chiudere il panzerotto con un altro dischetto di pasta e chiudere bene(volendo anche dando la forma della mezzaluna)
  • Cuocere in forno a 180° per circa 15/20 minuti, poi son pronti per essere mangiati.

Questi panzerotti prendono il nome di “Panzerotti della felicità” proprio grazie alle loro caratteristiche nutrizionali perché sono ricchi di Triptofano, amminoacido che interviene in numerosi reazioni chimiche fra cui la sintesi della Serotonina.

La Serotonina è un neurotrasmettitore sintetizzato a livello dell’apparato gastrointestinale e del sistema nervoso centrale ed è il responsabile del buonumore, ecco perchè viene definito l’Ormone della Felicità.

Infatti più serotonina abbiamo in circolo più ci sentiremo, appagati, felici.

La ricetta originale di questi panzerotti, la potete trovare all’interno del libro Il cibo dell’uomo,che vi invito a leggere,  un libro bellissimo che ho letto qualche tempo fà e nel quale vi è un interessante capitolo dedicato all’argomento Depressione.

Perchè sono un ottima alternativa ai biscotti commerciali

Con questa ricetta realizzeremo dei panzerotti dolci ma a lento assorbimento.

Quando parliamo di lento assorbimento significa che questi dolci cedono zucchero molto lentamente all’interno del nostro organismo.

I cibi ricchi di zuccheri semplici fanno salire tanto la glicemia e quando la glicemia sale troppo il pancreas produce tanta insulina (ormone che regola i livelli di glucosio ematico) che fa scendere la glicemia arrivando all’ipoglicemia.

Questa ipoglicemia è la ragione per cui i nostri bimbi a metà mattina a scuola sono distratti, stanchi, nervosi ed affamati, ma tutto questo è legato al fatto che il cervello non ha più energia da spendere.

La stessa cosa accade anche a noi adulti e la resa lavorativa è di scarsa qualità.

Quindi proviamo ad investire qualche minuto in cucina per migliorare le nostri abitudini alimentari per un approccio più vitale e salutare alla vita …anche dei nostri piccoli bimbi.


Consiglio inoltre di sperimentare anche

Questa ricetta è indicata per

  • Tutti
  • Celiaci (utilizzando prodotti senza glutine)
  • Intolleranti al lattosio
  • Vegani
  • Vegetariani
  • Pazienti oncologici
  • Bambini
  • Sportivi

L'articolo Biscotti della felicità in versione panzerotto senza glutine proviene da Dietista Paola Chiari - Cremona.

]]>